Alfiabesco, 20 tautogrammi

È finalmente online Alfiabesco, una raccolta di 20 tautogrammi – composti ciascuno con una lettera dell’alfabeto – che raccontano in modo bizzarro fiabe e favole più note e meno note, dalla Bella e la Bestia al Gatto con gli stivali, dai Musicanti di Brema alla Sirenetta. Puoi scaricarlo e leggerlo comodamente sul tuo pc, tablet, Kindle, iBooks (per iPad e iPhone) di Apple e da ogni dispositivo tu abbia! Acquista la tua copia nello store del Menocchio: www.ilmenocchio.it/prodotto/maria-matteacci-alfiabesco/

Pubblicato in Comunicazioni di servizio, Tautogrammi | Contrassegnato | Lascia un commento

Sirenetta

La fiaba di Hans Christian Andersen in un tautogramma

Sotto sconfinato specchio salmastro stavano sei sorelle sirene. Sedicenni, sirene solevano salire superficie, scopo scoprire sfera superiore.

Similmente Sirenetta semina suolo spugnoso, scivolando scala sommità. Sopraggiunto sospirato sbocco, scorta signorile scialuppa salpata. Si sentono schiamazzi sopraccoperta. Spostandosi, scorge splendido sovrano. Senza sceglierlo, sente scoccata sagitta svegliarla, spirito scuotersi sotto squame, sciogliersi sorta sapone. Scopre sentimento soave, sincero, senza spiegazione.

Subitamente, suono sordo, spaventoso. Supremo scroscio stempera sfera stellata, sfonda stiva, scrolla, sbatacchia, sventola, sconquassa, subissa scialuppa sino scagliare sovrano su superficie salata. Serpeggiando svelta, Sirena sèguita, salva suo signore, scortandolo sino spiaggia scogliosa. Sguardo sognante, sospira: sovrano svenuto, severo, senza scorgerla sta. Senza sciogliere sospirato schiocco, Sirenetta si separa secondo sua sorte.

Seguenti sere, sente sogno svegliare speranze: sfidare sua sorte sirena – spirare schiuma salmastra – smettendo scaglie. Sarò simile sovrano, specie sognante, sua sempre. Sirenetta sa Strega Sottomarina svendere soluzioni.

«Sottostò – si sente sussurrare – se sacrificherai sonorità.

«Seppure soffrirai sentendo spine squarciarti, – sbuffa sirena, stregua seduttrice –  sedurrai splendido sovrano: sposerà sua salvatrice, sarete soddisfatti. Salvo se sposerà straniera signora: sorgere sole seguente sposalizio, sarai spumosa sostanza.»

Sentimento significa sacrificio. Sirenetta sottoscrive scambio, speranzosa sorseggia sorta succo speciale, sapido sapore. Sente se stessa senza squame, senza suono.

Sicché soggiorna su suolo soleggiato. Sensibilizza sovrano, sperando scuoterlo, suscitargli sentimento. Si seguono spesso su spiaggia sabbiosa sotto sfera stellata, scalmanati, sfiniti, sorridenti: Sirenetta struggendosi, sforzandosi sostenere suo sguardo sì sublime, sognando stringerlo, svelargli sentimenti, sussurrargli storie; signore senza sentire sua sinfonia. Sicché suo sentimento senza sbocciare staziona.

Sorte sprezzante. Sovrano scopre straniera signorina scorgerlo sera scorsa su spiaggia, senza sensi: sicché scambia signora sua salvatrice. Sedotto, sceglie.

«Sì, si svolga sposalizio!» sentenzia sire sorridente, sbagliando sposa.

Sirenetta soffre senza sfogarsi. Silenziosa statua, silente sasso. Si sente smisuratamente sola. Saputa situazione, sue sorelle spalleggiandola studiano sotterfugio, supplicando Strega sciagurata.

«Serve spada!» sbotta saputella: sicché sirene scambiano setole setose.

«Sorella! – strillano – Sole sta sorgendo! Se suo sangue scorrerà, sopravvivrai! Sii saggia, scegli sodalizio, stringi spada: strangola sovrano!»

Sgomento. Sirenetta sente suo spirito spaccarsi.

Sii saggia… soppesa sardonica. Seppure sogni, sentimenti sì sanguigni, sì selvaggi, siano sordi! Sopravvivono saldi senza senno, senza sovrani, senza servitù, senza schiavitù. Sopravvento, sopraffanno spiriti, sovrani.

Sola, sorda, Sirenetta segue sponda. Sguardo, soffio sferzato, sgorga sale. Sorprende stormo serrato sciare solitario, sole sorgere su scogliera: semplice sollievo, supremo saluto. Spogliatasi, si solleva, si slancia – saffico sparviero – su sterminata superficie splendente, sommo salto, spirando schiuma salmastra.

ʍʍ La Spugna © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato in Tautogrammi | Contrassegnato , | Lascia un commento

Anatroccolo alternativo

Un tautogramma ispirato alla fiaba de Il brutto anatroccolo di Hans Christian Andersen, così come interpretata da Giobbe Covatta nello spettacolo Parabole iperboli.

Amorevolissima anatra accudiva albumi. Appena aperti, anziché assomigliare agli altri, apparve anatroccolo atipico: abnorme, anchilosato, asmatico, atto all’assideramento anche ad agosto, anatroccolo alternativo accusava anche artrosi alle anche accompagnata ad anemia alle ali. Ancorché, al di là, aveva ancora altro attributo, appariscentissimo: assurdo aspetto amorfo azzurrognolo.

«Affoghiamolo!» avanzarono altri anatroccoli, astiosi (altre anime anomale).

Allorquando amorevolissima anatra avvistò ansimante anatroccolo, acclarate anomalie asserì agli altri anatroccoli, affettuosa:

«Avete aspirazioni agghiaccianti. Accettiamolo!»

Allora appunto aggredì anatroccolo ad accettate. Assai amaranto, anima astrusa aveva adesso apposta apprezzamenti attorno all’aspetto.

Accadde anatroccolo alternativo andò all’aia, aspirando ad amicizie. Avvistatolo, alcuni asini asseverarono agitati:

«Aaah! Animale azzurrognolo!»

Allora aggredirono anatroccolo ad accettate, allontanandolo.

Ancheggiando, anatroccolo anticonformista andò ancora all’aia. Acchiappando allodole, avanzò accorato:

«Approssimativamente, assomiglio ad alcuno animale?»

«Andando ad associazione?»

Allora aggredirono anatroccolo ad accettate, allontanandolo.

Appiattito, anatroccolo andò ancora all’aia, ansioso avvicinò alano:

«Attribuisci aberrazioni ad astante anatroccolo?»

«Affatto» affermò alano accasciandosi.

«Allora… attribuisci aspetto azzurrognolo ad abbiettura?»

«Affatto, anzi! – affermò ancora alano, avendo assunto antiemetico – Avevo accappatoio azzurrognolo anni addietro! Aspetta, avverto Alberto Angela…»

«Alé! – acclamò allegro anatroccolo, allontanatosi alano – Amico astiene aggredirmi ad accettate!»

Alano andò ancora all’aia, abbaiò: «Accidenti, avevo archiviato aggredirti ad accettate!»

Allora assottigliò acerbo anatroccolo ad angolo acuto, alterandogli abbondantemente acclarato aspetto ammorbante.

Amen, arrivò anno artico: anatroccolo alternativo, anchilosato, artrotico, anemico, asmatico, annaspava agognando aria.

«Ammazza! – articolavano altri animali – Anche asfittico?»

Arrivò anche adolescenza: abbacchiato anatroccolo appariva adesso anche asociale, apatico.

Arrivò ancora anno afoso: anatroccolo alternativo, accortosi – affacciandosi all’acqua – avvenente, armonioso, azzarderei addirittura abbordabile airone adulto, andò appositamente all’aia. Altri animali accorsero allibiti:

«Accidenti… Appartieni all’aia?»

Allora affermò altezzoso: «Avevate abitudine appellarmi “anatroccolo alternativo”.»

«Ah all’anima, avvisa!»

Allora aggredirono airone ad accettate, allontanandolo. Allora aprì ampie ali azzurre aleggiando altero, aristocratico. Arrivò Alberto Angela ad abbatterlo.

Abituiamoci ad accettare aspetto apparente.

ʍʍ La Spugna © RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato in Tautogrammi | Contrassegnato | Lascia un commento